Vai al contenuto

Lunedì 2 ottobre alle 10 ci sarà una conferenza stampa di fronte alla base militare di Ghedi per presentare la denuncia sottoscritta da 22 esponenti di associazioni pacifiste e antimilitariste e singoli cittadini, tesa ad accertare la presenza di ordigni nucleari in territorio italiano e a verificarne l'illegalità sulla base della normativa interna e internazionale.

Leggi la sintesi della denuncia.

La denuncia trasmessa alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma chiede ai magistrati inquirenti di indagare innanzitutto per accertare la presenza di ordigni nucleari sul territorio nazionale e, di conseguenza, le eventuali responsabilità, anche sotto il profilo penale, dell’importazione e della detenzione.
La denuncia afferma che la presenza di armi nucleari sul territorio italiano può considerarsi certa anche se mai ammessa ufficialmente dai vari governi che si sono succeduti. Le fonti sono molteplici e vanno da articoli di giornale mai smentiti ad autorevoli riviste scientifiche e atti politici.
La denuncia distingue fonti nazionali e fonti internazionali.
Tra le prime ricorda la risposta del ministro Mauro a un’interrogazione parlamentare del 17 febbraio 2014, risposta che, mirando a legittimare la presenza degli ordigni, implicitamente ne riconosce l’esistenza. Tra le fonti si citano anche un documento del CASD (Centro alti studi difesa) e del CEMISS (Centro militare di studi strategici). Molteplici anche le fonti internazionali. In particolare si ricorda la ricerca di Bellingcat ( associazione di ricercatori, studiosi e giornalisti investigativi) del 28 maggio 2021.    I risultati di questa ricerca sono paradossali perché mentre i governi europei si ostinano nel rifiutare ogni informazione, le forze armate statunitensi usano applicazioni per memorizzare i numerosi dati necessari alla custodia degli ordigni. È accaduto che le schede di queste applicazioni siano diventate di dominio pubblico per negligenza dei militari statunitensi nell’uso delle app.
Sulla base delle molteplici fonti citate la presenza di ordigni nucleari in Italia, e specificamente circa 90 nelle basi di Ghedi e Aviano, può considerarsi certa.
La denuncia ricorda che l’Italia ha sottoscritto 24 aprile 1975 il
Trattato di non proliferazione ed invece non ha firmato e ratificato il Trattato per la proibizione delle armi nucleari approvato il 7 luglio 2017 dall’assemblea generale delle Nazioni Unite ed entrato in vigore il 22 gennaio 2021. Anche in assenza di questa sottoscrizione che esplicitamente ed automaticamente
qualificherebbe come illegale la detenzione di ordigni nucleari la denuncia sostiene che l’illegalità è certa.
Sono analiticamente passate in rassegna le varie normative sulle armi (la legge 110/75; la legge 185/90; la legge 895/67; il TULPS) e si conclude affermando che gli ordigni atomici rientrano nella definizione di “armi da guerra” (legge 110/75) e in quella di “materiali di armamento” (legge 185/90, art.1).
Infine la denuncia affronta la questione della presenza o meno di licenze e/o autorizzazioni all’importazione visto che l’accertata presenza sul territorio presuppone necessariamente un loro passaggio attraverso il confine.
Il silenzio sulla presenza delle armi atomiche investe anche, inevitabilmente, la presenza o meno di autorizzazioni all’importazione. Qualsiasi autorizzazione, peraltro, confliggerebbe
con l’articolo 1 della legge 185/90 che recita:
“l’esportazione, l’importazione, il transito, il trasferimento intracomunitario e l’intermediazione di materiale di armamento nonché la cessione delle relative licenze di produzione e la delocalizzazione produttiva devono essere conformi alla
politica estera e di difesa dell’Italia. Tali operazioni vengono regolamentate dallo Stato secondo i principi della
Costituzione repubblicana che ripudia la guerra come
mezzo di risoluzione delle controversie internazionali”.
La denuncia individua nella Procura di Roma il foro competente per l’inevitabile coinvolgimento del governo italiano nella gestione delle armi nucleari.
La denuncia supportata da 12 allegati è sottoscritta da 22 attivisti, pacifisti, antimilitaristi alcuni dei quali rivestono posizioni apicali in associazioni nazionali.

 

Il CDMPI ha dato la sua adesione all'iniziativa che il 22 luglio si è svolta a Bologna, in piazza del Nettuno, anticipando la giornata di mobilitazione della campagna Europe for Peace - Costruiamo l'Europa di Pace indetta dalla Rete italiana Pace e Disarmo sabato 23 luglio.

Volantino 22 luglio_Europe for peace_Bologna

Mons. Zuppi

 

Flash mob

 

Bologna Piazza Nettuno

 

Europe for Peace

 

Foto di Bruno Stefani

 

 

 

 

 

 

In occasione del 60° anniversario della Marcia della Pace “Perugia-Assisi” (1961-2021) il Centro di Documentazione del Manifesto Pacifista Internazionale ripercorre, con questo documento, la sua partecipazione alla Marcia, come gruppo organizzato dagli anni ‘90 ad oggi e, negli anni precedenti, come esperienza di alcuni suoi militanti (all’epoca appartenenti ad altri gruppi antimilitaristi e nonviolenti, come, ad esempio, la Lega per il Disarmo Unilaterale-LDU e il Coordinamento Antimilitarista Bolognese-CAB, formato da: LDU, LOC, MN, MIR, COSMIT, MCP-Movimento Cristiano per la Pace, GAVCI-Gruppo Autonomo Volontariato Civile Italiano”).

1981, manifesto Marcia per la pace

1981, 27 settembre. 3.a Marcia: “Contro la guerra a ognuno di fare qualcosa”

Vittorio Pallotti vi partecipa come membro della Lega per il Disarmo Unilaterale assieme a Sergio Riccardi, naturista vegetariano di S. Giovanni Persiceto (Bologna). Nei tre giorni precedenti Vittorio partecipa anche al Convegno internazionale “Strategie per il disarmo” (Perugia, Sala dei Notari, 24-26 settembre). Il 23 settembre Vittorio, a nome del Coordinamento Antimilitarista Bolognese firma il documento di adesione alla Marcia: “Il CAB nel dichiarare la propria adesione alla Marcia si impegna a dare il suo attivo contributo per la migliore riuscita della stessa”.

Nel corso della marcia, l’ARCI nazionale distribuì molte migliaia di locandine con l’immagine della Terra nello spazio e con la scritta “E’ l’unica che abbiamo” (v.foto allegata). La locandina fu uno dei primi esemplari che andarono a costituire la Raccolta di manifesti pacifisti della Casa per la Pace ‘La Filanda’ di Casalecchio di Reno (Bologna). Raccolta che, ad oggi, ha superato i 6000 esemplari.

1985 – 1999

Nel corso delle 7 marce effettuate in questo periodo la partecipazione viene effettuata da alcuni militanti dell’associazione “Antimilitarismo e Disobbedienza Nonviolenta – ADN” di Bologna che, nel 1993, si trasformerà nell’attuale “Centro di Documentazione del Manifesto Pacifista Internazionale – CDMPI”.

1985, Marcia 6 ottobre

1985, 6 ottobre. 4.a Marcia “ Contro il riarmo blocchiamo le spese militari”

1985, Marcia 6 ottobre

1988, 2 ottobre. 5.a Marcia “ A 20 anni dalla morte di Aldo Capitini. Per un’Europa nonviolenta, per il disarmo, per un mondo migliore, più giusto e sicuro, contro ogni razzismo, per una superiore democrazia”

1988, Vittorio Pallotti e Giorgio Perini al tavolo dell'ADN
1988, Giorgio Perini, Vittorio Pallotti, Renzo Craighero

2000 – 2020

Il 2000 rappresenta un salto di qualità per il CDMPI che partecipa in forma organizzata a tutte le 9 marce che si sono susseguite fino al 2020. Il Centro organizza, lungo il percorso della Marcia e in prossimità di S. Maria degli Angeli, un suo grande tavolo ove vengono proposti ai marciatori:

- libri o pubblicazioni varie del CDMPI o di altri autori, tutti a carattere strettamente pacifista e nonviolento;

- cartoline riproducenti alcuni tra i manifesti più belli e significativi della Raccolta;

- gadgets di vario tipo: spille, adesivi, bandiere, …

2000, a S. Maria degli Angeli

2005, 11 settembre. 15.a Marcia “Mettiamo al bando la miseria. Marcia per la giustizia e per la pace”

Il CDMPI è stato presente alla Rocca Maggiore di Assisi con la presentazione dell’opera “Omaggio a Wangari Maathai”, realizzata da Fiorella Manzini e costituita da un trittico di 3 pannelli (125 x 83 cm ognuno).

2005, Omaggio a Wangari Mathai, Fiorella Manzini

L’ambientalista keniota e ‘madre degli alberi’, Premio Nobel per la Pace 2004, è stata sempre più consapevole che l’ambiente è direttamente collegato ai temi della ‘governance’ della pace e dei diritti umani. Ai marciatori veniva distribuito un volantino per far conoscere l’operato di Wangari a difesa dell’ambiente.

2011, 23-25 settembre. 17.a Marcia: “Per la pace e la fratellanza dei popoli”

Questa marcia celebra il suo 50° anniversario. Per l’occasione il CDMPI organizza, oltre il tavolo a S.Maria degli Angeli sul percorso dei marciatori, la grande mostra itinerante di 56 manifesti “Camminare per la pace -marce e cammini per la pace e la nonviolenza”, con catalogo illustrato di 96 pagine e testo bilingue (italiano-inglese).

La mostra, creata l’anno precedente (2010) in occasione del passaggio a Bologna della I Marcia mondiale per la Pace e la Nonviolenza, fu esposta a Bastia Umbra dal 23 al 25 settembre. In questa sede si tenne anche il convegno “Mille giovani per la Pace”. La mostra fu arricchita anche dall’esposizione di 20 manifesti pacifisti degli anni 1961 e 1962.

2018, "Spirale della Pace" Fiorella e David

2018, 7 ottobre. 19.a Marcia: “E’ tempo di fare pace”

Accanto al tavolo del CDMPI fu esposta per la prima volta l’installazione “La spirale della pace”, ideata da Fiorella Manzini. L’opera, a forma circolare e spiralata, è costituita dalla tela di un ombrello con i colori dell’arcobaleno e con la scritta “ENTRIAMO nella SPIRALE DELLA PACE”.

Per molti marciatori fu la simpatica occasione di una foto dell’installazione e di un ‘selfie’ fotografico.

2018, tavolo CDMPI

Alla vigilia di questa Marcia IL CDMPI, aderendo all’invito della Tavola della Pace (“Scriviamo insieme l’Agenda della Pace”) rispose con la seguente lettera:       

“ ...dai primi anni ‘80... utilizziamo i manifesti per informare e sensibilizzare il maggior numero possibile di persone sui temi della pace, della nonviolenza e dell’ambiente. I manifesti ‘parlano’ alla coscienza di chi li osserva e li ‘legge’, aiutandolo nella conoscenza e nella comprensione dei molti fatti e problemi che oggi affliggono l’umanità: dallo sfruttamento dei popoli e dell’ambiente alle guerre, sempre più distruttive, che dallo sfruttamento e dall’ingiustizia sono generate. A questo fine abbiamo organizzato e continuiamo a organizzare mostre di manifesti, tematiche e itineranti; e da diversi anni partecipiamo con un nostro tavolo alla Marcia Perugia-Assisi".

Tre sono i temi che, a nostro parere, una Agenda della Pace dovrebbe affrontare in via del tutto prioritaria e a tutti i livelli: locale, nazionale e internazionale:

1. L’interdizione di tutte le armi atomiche presenti sulla Terra, come da Trattato ONU approvato da 122 paesi il 7 luglio 2017

2. La lotta contro i cambiamenti climatici provocati dall’attività umana, con le conseguenti devastazioni ambientali e umane a livello regionale e planetario

3. La lotta contro le diseguaglianze sociali, portatrici di ingiustizia e quindi di guerre.

Ovviamente, sui metodi di impegno e di lotta, a livello sia personale che collettivo, la nonviolenza deve sempre essere il faro che illumina i nostri pensieri e le nostre azioni.”

2020, 11 ottobre. 20.a Marcia: “Catena umana per la pace e la fraternità”

Per la prima volta nella storia della ‘Perugia-Assisi’ la Marcia, a causa della pandemia causata dal ‘covid-19’, viene trasformata in una catena umana che idealmente unisce Perugia e Assisi ma che, di fatto, si sviluppa tra S. Maria degli Angeli e Assisi. Il CDMPI è rappresentato da 4 suoi militanti: Angela, Bruno, Vittorio e Uber.

Uno strano episodio alla catena umana ‘Perugia-Assisi’ - 11/10/20” è il titolo che ho ritenuto di dare al resoconto di un fatto emblematico che mi ha coinvolto in prima persona e che trascrivo integralmente.

Il fatto

Alle 9,45 circa, dopo aver parcheggiato la mia auto in un grande parcheggio nei pressi della stazione ferroviaria di S. Maria degli Angeli, mi dirigevo a piedi con l’amico Uber Sala verso il punto di ritrovo dei partecipanti alla catena, accanto alla grande basilica.

Dopo pochi passi, un’auto della polizia di Stato si accostava a noi due. Il capo-pattuglia, un uomo sulla cinquantina, voleva leggere la frase scritta su un cartellone (70x100) che portavo al collo. La frase era uno slogan di 4 parole che avevo ideato nella seconda metà degli anni ‘80: “Difesa armata insicurezza assicurata”. Il capo-pattuglia, dopo una pausa di riflessione, mi chiede “Che cosa significa ?”. Gli rispondo che, non credendo nella difesa armata, la mia sicurezza era fondata sulla difesa civile, non armata e nonviolenta. Il poliziotto fa una seconda pausa di silenzio (e presumo di riflessione) e controbatte: “Comunque è una frase ambigua”. Al che rispondo: “A me non sembra proprio, dal momento che la difesa alternativa alla difesa armata è una realtà nota da tempo e gode di un’ampia letteratura in merito”.

Dopo una terza pausa la sua conclusione: ”Speriamo che l’intendano nel senso giusto” (o “che non venga equivocato”).

E l’auto riparte.

Il commento

Nel corso della mia pluridecennale esperienza di militante pacifista non mi era mai capitato di fare un simile incontro. La cosa, più che preoccuparmi, mi ha fatto piacere. Credo che non sia affatto frequente un episodio del genere che, in un’epoca in cui in ambito pacifista non di rado si parla (e si scrive) di formazione alla nonviolenza delle forze dell’ordine, pare che abbia prodotto una riflessione (che mi auguro non limitata a questo incontro) da parte di un agente di polizia e, molto probabilmente, anche del suo collega pattugliante e, forse, di altri colleghi cui l’episodio è stato raccontato (mi auguro correttamente).

Di riflessione in riflessione: questo episodio non potrebbe forse rappresentare una metafora della ‘Perugia-Assisi’, ogni volta criticata da molti perché i contenuti che la caratterizzano sono troppo generici ? E allora la domanda: e se, invece, la marcia fosse convocata, ad esempio, solo contro le spese militari o sui mutamenti climatici o sulle disuguaglianze planetarie, quanti dei ‘marciatori’ partecipanti (sicuramente molto meno numerosi) avrebbero occasione di leggere e riflettere su cartelli e manifesti frasi relative, ad esempio, all’obiezione di coscienza, all’educazione alla pace, alle difese alternative alla difesa armata ? Cartelli e manifesti che, con i loro autori e ‘indossatori’, se ne starebbero rinchiusi in qualche sgabuzzino di tante città italiane.

Bologna, 19-10-2020       Vittorio Pallotti

2021, 10 ottobre. 21.a Marcia “Marcia della pace e della fraternità”

A questa marcia, purtroppo, il CDMPI ha deciso di non partecipare per motivi di carattere sanitario (pandemia da Covid-19). Pertanto, non si farà il tavolo tradizionale ma alla marcia parteciperanno comunque alcuni suoi attivisti.

A costoro e a tutti gli organizzatori e partecipanti auguriamo la migliore riuscita dell’iniziativa.

Bologna, 3 ottobre 2021

Vittorio Pallotti

 

A sessant'anni dalla prima marcia Perugia Assisi. – RETE Ambientalista

1961 - 2021, la Marcia festeggia sessantanni. Il CDMPI aderisce e partecipa come sempre.

LA CURA È IL NUOVO NOME DELLA PACE

I prossimi 10 anni saranno decisivi. Per fermare il cambiamento climatico. Per impedire una nuova guerra mondiale. Per uscire dalla crisi sociale ed economica. Per effettuare la transizione ecologica. Per democratizzare la rivoluzione digitale. Per prevenire nuove grandi migrazioni…

Domenica 10 ottobre 2021 si inaugura il "decennio della cura". Partecipa alla Marcia Perugia Assisi della pace e della fraternità.

Per info e contatti, visitate il nuovo sito: https://www.perugiassisi.org

 

Marcia PerugiAssisi, quest'anno parte da Barbiana nel segno di don Milani

19 perugia assisi - LAGONE