Vai al contenuto

Le nostre attività

Nel corso degli anni i manifesti sono stati esposti nelle sedi più disparate, dalle sedi comunali a quelle scolastiche. Le mostre allestite nei locali delle scuole di ogni ordine e grado hanno permesso che gli allievi, sotto la guida degli insegnanti, realizzassero testi scritti, video, CD, disegni, manifesti e altro ancora.

Per esempio ogni anno, per oltre 10 anni, nella scuola media ''Panzini'' di Bologna sono stati esposti nei corridoi una serie di manifesti dell'Archivio del CDMPI. Ciò consentiva all'insegnante di avviare un discorso educativo sulla lettura e decodificazione del messaggio visivo, di questo particolare ma diffusissimo linguaggio mediatico. Nel corso dell'esame conclusivo del triennio ogni alunno poteva fornire prova del suo apprendimento utilizzando una delle cartoline,
edite dal CDMPI, con la riproduzione di un manifesto dell'Archivio.

Ancora, nel 2001, studenti dell'Istituto Tecnico Industriale di Budrio (BO) realizzavano un video sui manifesti. Nel 2003/2004, studenti delle medie superiori di Pisa realizzavano un CD e testi scritti di analisi e commento dei manifesti della mostra ''50 anni di pace sui muri d'Europa''. Sempre nel 2004 gli studenti della sezione grafico-industriale dell'Ist. Tecnico Industriale ''Corni'' di Modena realizzavano il loro primo volume ''Matite per la Pace'' utilizzando tavole di fumetti donate al CDMPI da quattro noti Autori italiani.

La mostra del 2000 ''50 anni di pace sui muri d'Europa'', e il libro-catalogo che l'accompagna, rappresenta, ancora oggi, l'iniziativa più importante della nostra storia. E' una mostra, itinerante, realizzata con il contributo del Comitato ''Bologna 2000'' sorto per celebrare, con una miriade di iniziative, l'evento 'anno 2000' in cui Bologna rappresentava una delle 9 città europee della cultura, alla quale era stato affidato il tema della 'comunicazione'. Su questo tema ci eravamo messi al lavoro fin dal 1998, selezionando 100 manifesti da un archivio che allora ne conteneva quasi 2000.

Nel corso degli anni successivi, e con una cadenza al massimo biennale, si sono estratti dall’archivio i manifesti più significativi utili ad illustrare un determinato argomento e si sono così create delle mini raccolte di manifesti per ogni tema prescelto in modo da disporre di “pacchetti” di manifesti da presentare al pubblico (v. la sezione “Le nostre mostre tematiche”).

La nostra attività non si è limitata, naturalmente, alla raccolta e gestione  di manifesti, ovvero alla progettazione e allestimento di mostre, ma ha riguardato anche la partecipazione e sostegno a campagne e iniziative di carattere pacifista, disarmista e nonviolento, la divulgazione – con articoli e testi ad hoc – delle idee e riflessioni maturate attraverso la lettura e analisi dei manifesti, il supporto dato a ricercatori e studiosi nella consultazione del materiale cartaceo disponibile, etc.

Per una maggiore comprensione di quanto fatto nel corso del tempo si rinvia a  "Le nostre attività del passato".