TAGLIARE SUBITO LE SPESE PER LE ARMI

Nel drammatico momento che stiamo vivendo in Italia e nel mondo intero, sentiamo il bisogno umano e civile di levare la nostra voce contro lo scandalo gigantesco delle spese militari, su cui come sempre i più tacciono.

Non dobbiamo tacere. In questo momento come mai è giusto e doveroso chiedere al nostro Governo di tagliare subito le spese per armamenti e destinare quanto risparmiato ai bisogni della sanità e a quelli di chi dovesse perdere il lavoro. 

Si tratta di somme ingenti. E molto cresciute in questi ultimi anni mentre si tagliavano le spese per la sanità. Nel 2018 la spesa militare italiana è stata di 25 miliardi di euro, pari all’1,45 del Pil, in aumento rispetto al 2017 del 4%. Ma sono cifre pazzesche in tutto il mondo, vedi i dati sul sito del Sipri di Stoccolma.

Quella destinata ai soli armamenti nel 2018 è stata di 5,7 miliardi, aumentata di ben l’88% nelle ultime tre legislature, dice lo studioso Francesco Vignarca, secondo il quale “Tra i programmi di riarmo nazionale in corso i più ingenti sono le nuove navi da guerra della Marina, tra cui una nuova portaerei, nuovi carri armati ed elicotteri da attacco dell’Esercito, i nuovi aerei da guerra Typhoon e gli F-35”.

In particolare questi ultimi, gli F-35, sono da anni molto contestati dal mondo del pacifismo: una spesa enorme, oltre 50 miliardi di euro complessive, per un aereo con “difetti strutturali” (secondo vari esperti) e comunque un armamento d’attacco e al servizio di strategie d’attacco, in ciò sostanzialmente in chiaro contrasto con il dettato dell’art. 11 della nostra Costituzione. Un “inutile spreco di risorse” denuncia da tempo la campagna “Taglia le ali alle armi”. Quanto sarebbe utile dirottare questi miliardi verso il contrasto al surriscaldamento globale e ai cambiamenti climatici, quindi alla nostra salute?

Non dimentichiamo poi che nelle spese militari italiane ci sono quelle a supporto delle basi americane in Italia (con bombe atomiche) e non ultima c’è pure la spesa per i cappellani militari (circa 200, con un costo di 15 milioni tra stipendi e pensioni).

Un taglio sostanzioso a queste spese potrebbe essere subito deciso da Governo e Parlamento. Non sarebbe razionale oltre che giusto, soprattutto in questo momento?

Si pensi che un solo aereo F-35 costa la bellezza di 130 milioni di euro. Già il Governo Monti nel 2012 aveva ridotto da 131 a 90 gli aerei da comprare, perché non si procede subito almeno con un’altra bella sforbiciata? Quale forza politica si potrebbe opporre in questo drammatico momento? Quante le rianimazioni, quanto altro personale si potrebbero avere con il costo di un solo di questi aerei?

Non bisogna dimenticare poi che in questi ultimi anni la sanità italiana è stata massacrata da tagli lineari enormi: con Monti nel 2012 ci fu un piano di tagli per 25 miliardi in tre anni e la spesa per la sanità fu portata dal 7,1 al 6,7% del Pil; il governo Letta proseguì con un taglio di 2,6 miliardi e coi tagli continuarono il governo Renzi e la ministra Lorenzin. Negli ultimi 10 anni il Servizio sanitario nazionale ha subito un taglio di 37 miliardi di euro, col risultato di migliaia di posti letto in meno (siamo scesi sotto la media europea, 3,5 per 1000 abitanti contro 5), spese per il personale ridotte di 2 miliardi tra il 2010 e il 2018, persi 42,800 posti a tempo indeterminato, deficitaria la prevenzione. E ancora, il raddoppio della quota dei più poveri che rinunciano alle cure e la enorme crescita del divario sanitario tra nord  e sud (con la complicità delle classi dirigenti del sud). Un massacro. Tutto nonostante i ticket, il cui gettito è passato da 1,8 miliardi del 2008 a 3 miliardi nel 2018. Oggi piangono tutti, nel Palazzo, ma ieri?

La crisi del coronavirus impone di ripensare la nostra quotidianità ma anche i nostri stili di vita e i nostri modelli di sviluppo, non c’è dubbio. Perché non anche le priorità di spesa dei governi? 

Ripensare le spese militari è un tassello prioritario del nuovo mondo da immaginare e concepire ove sia finalmente messa al bando la guerra e le spese degli Stati destinate a strumenti di vita anziché a strumenti di morte. Uno Stato lo sta facendo, è il Costarica. E’ possibile, è conveniente. Chiediamolo in molti, chiediamolo tutti.

Raffaele Crocco, Massimiliano Pilati, Francesco Pugliese, Beatrice Taddei, Alex Zanotelli

Rovereto, 11 marzo 2020

Il CDMPI sostiene il disarmo, riceve e pubblica il presente articolo.

Anche a Bologna
Spegniamo la Guerra, Accendiamo la Pace!

Sabato 25 gennaio 2020 dalle 10 alle 13 in Piazza Nettuno
Mobilitazione internazionale per la pace

Anche Bologna aderisce all’appello lanciato a livello nazionale dalla Rete della Pace che ha raccolto l’invito del movimento pacifista statunitense a fare di questa giornata una occasione di mobilitazione contro tutte le guerre e tutte le dittature, a fianco dei popoli che si battono per il proprio futuro.

Il blitz del presidente degli Stati Uniti Donald Trump per uccidere il generale iraniano Soleimani ha innescato nuove tensioni con l’Iran e ritorsioni da parte di questo paese, dando avvio ad una nuova spirale di violenze in tutta l’area. Irak, Iran, Siria, Libia, Yemen: cambiano i giocatori, si scambiano i ruoli, ma la partita è la stessa.

Nella crisi del vecchio ordine internazionale, potenze regionali e globali si contendono con la guerra aree di influenza sulla pelle delle popolazioni locali. Ancora una volta la via imboccata è il mantenimento dei regimi teocratici o militari – comunque illiberali e non rispettosi dei diritti umani - con i quali si fanno affari, chiudendo occhi e orecchie su repressione, torture, corruzione. Ne subiscono le conseguenze anche i giovani iracheni che da tre mesi lottano contro il sistema settario instaurato dall’occupazione Usa e contro le ingerenze iraniane, in un paese teatro di guerre per procura ed embarghi da decenni.

La guerra non produce solo distruzione, umana ed ambientale, ma cancella anche dall’agenda politica la questione sociale, oramai incontenibile ed esplosa nelle proteste delle popolazioni che hanno occupato pacificamente le piazze e le strade.

“La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.

Non possiamo stare a guardare! Dobbiamo gridare il nostro no alle guerre, alla loro preparazione, a chi le provoca per giustificare la produzione e la vendita di armi. Guerre che, in ogni momento, possono fare da miccia ad un conflitto globale tanto più preoccupante per il potenziale degli armamenti nucleari oggi a disposizione dei potenti del mondo.

Manifestiamo il nostro sostegno alle popolazioni, vere vittime delle dittature e delle guerre, a chi si rivolta da Baghdad a Teheran, da Beirut ad Algeri, da Damasco al Cairo, da Gerusalemme a Gaza, dal Brasile al Cile …..

L'UE, nata per difendere la pace, deve assumere una forte iniziativa che – con azioni diplomatiche, economiche, commerciali e di sicurezza – miri ad interrompere la spirale di tensione e costruisca una soluzione politica, rispettosa dei diritti dei popoli.

Fermare la spirale di violenze è responsabilità anche italiana e chiediamo al nostro Governo di farlo con atti concreti. Chiediamo a tutti i cittadini, come singoli e comunità, di rifiutarsi fin da ora di collaborare in qualunque modo alla preparazione e al sostegno della guerra praticando azioni nonviolente di lotta (scioperi, controinformazione, disobbedienza civile, obiezione di coscienza,...).

promotori locali
Acli-Circolo Giovanni XXIII                                                                                                    Centro di Documentazione del Manifesto Pacifista Internazionale
CGIL – Camera del Lavoro Bologna                                                                                     Donne in Nero                                                                                                                Emergency Gruppo Bologna
Legambiente                                                                                                                                  Pax Christi                                                                                                                            Percorsi di Pace

Recapito per info e adesioni: renzocrai@gmail.com

Il pomeriggio del 6 aprile, vigilia del Convegno Internazionale "No guerra-No NATO" a Firenze, presso l'abitazione di Alessandra L'Abate, figlia di Alberto, si è tenuto un incontro di alcuni membri (tra cui Vittorio Pallotti - CDMPI ) del direttivo dell'Associazione IPRI-CCP (Istituto italiano di ricerca per la pace - Corpi Civili di Pace).

Nel corso della riunione si sono affrontati problemi relativi alla vita dell'associazione e la partecipazione ai preparativi per l'accoglienza della seconda Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza che partirà da Madrid il 2 ottobre 2019 e, dopo avere toccato vari paesi dei continenti americano, euro-asiatico e africano, tornerà a Madrid a fine febbraio. Si prevede che la III Marcia mondiale e le successive si svolgeranno con cadenza quinquennale.

Si è svolta a Bologna il 9 e 10 marzo la quinta assemblea della Rete nazionale della pace, aperta a movimenti, associazioni, sindacati, circoli, comitati locali, altre Reti, allo scopo di aprire un confronto e discussione a partire da tre quesiti:

  • cosa significa oggi mantenere la pace in una visione universalistica;
  • come favorire e sostenere le iniziative dal basso, dai territori e dalle città, cooperando per obiettivi comuni;
  • come unire le piattaforme a livello nazionale per contrastare la barbarie e l’indifferenza che ci circondano.

I lavori, dopo il saluto di Simonetta Saliera (Presidente dell’Assemblea Legislativa dell’Emilia Romagna), si sono sviluppati affrontando nell’ordine i vari temi in agenda.

Si è iniziato con il considerare quali sono i punti di forza e gli ostacoli da rimuovere per sostenere la pace. Ha aperto gli interventi padre Zanotelli che si è detto sfiduciato per la situazione del movimento della pace italiano, invitandolo a mobilitarsi per la giustizia ed a reagire unito di fronte alle posizioni assunte dalla “tribù bianca” di difesa dei propri privilegi con l’adozione di misure di sicurezza e di riarmo.

Maderloni (ANPI) ha ribadito come la pace non sia tale se non è ricerca di più giustizia, più diritti, più democrazia e nel contempo contrasto al sentimento di paura che si è impadronito di molti.

Scognamiglio (Movimento Focolari Italiani) ha segnalato come occorra sviluppare di più l’informazione, soprattutto nei confronti dei giovani, dato che all’interno dello stesso movimento cattolico c’è ancora molta disinformazione e disillusione.

Ceronetti (Movimento Europeo) ha sottolineato l’impegno che l’Unione Europea deve porre per la risoluzione pacifica dei conflitti, anche attraverso i Corpi di pace europei, superando gradualmente eventuali forme di difesa armata comune.

Pugliese (Movimento Nonviolento) ha osservato come dopo le elezioni del marzo 2018 il quadro sia peggiorato e la logica del nemico, la sua demonizzazione, hanno preso il sopravvento raccogliendo il consenso popolare. Di fronte all’estendersi della violenza diretta, culturale e strutturale, il movimento per la pace deve riprendere un lavoro di lunga durata e rilanciare l’educazione e formazione, l’obiezione di coscienza, le campagne di disobbedienza civile e per la difesa civile non armata e nonviolenta.

Camusso (CGIL) ha sottolineato, fra l’altro, come occorra ragionare sull’avvio di politiche di riconversione delle fabbriche d’armi, superando le resistenze presenti nel mondo sindacale e anche in casa CGIL.

Si è quindi passati al secondo blocco di argomenti, incentrato sulla presentazione di esperienze e realtà locali.

Attraverso le testimonianze dei rappresentanti di alcuni enti e associazioni (Consulta Nazionale degli Enti in Servizio Civile, Bologna Accoglie, Movimento di cooperazione educativa “Salta Muri”, Comitato RWM Domusnovas, Coordinamento modenese della pace, Gruppo “Salviamoli, Salviamoci!”, Tavolo Interventi Civili di Pace, …) si è avuto uno spaccato di un’Italia diversa, che opera per l’integrazione, per il rispetto delle diversità, per i diritti umani, per lo sviluppo sostenibile, per il disarmo e il ripudio della guerra.

Ha portato il suo saluto anche l’arcivescovo di Bologna Matteo Zuppi.

Nella terza sessione dei lavori la comunicazione e discussione si è focalizzata sulla presentazione e proposta di campagne e iniziative di mobilitazione nazionale, allo scopo di trovare possibilità di convergenza e valorizzazione.

Caveggion ha presentato le linee della nuova Marcia mondiale della pace (partenza ottobre 2019, arrivo marzo 2020), a dieci anni di distanza dalla precedente ed ha invitato a partecipare alla sua progettazione in Italia e realizzazione, costruendo nei territori e in ogni regione occasioni di informazione e mobilitazione, a partire dalle scuole.

Pallucchi (Legambiente) ha portato l’attenzione sulla questione climatica, ribadendo come la giustizia ambientale e la giustizia sociale si intrecciano. Il movimento per la pace deve quindi fare alleanze con i movimenti sociali emergenti, assumendo anche l’ambientalismo come occasione per avviare cantieri di lavoro comune.

Valpiana (Movimento Nonviolento) ha osservato che mentre sono vive le realtà locali c’è una debolezza di regia della Rete e una difficoltà di interconnessione e indirizzo delle iniziative. A ciò si aggiunge una difficoltà di comunicazione sia interna che esterna. Occorre rilanciare il movimento con cinque Campagne: Yemen, banche armate, F35, difesa civile non armata nonviolenta, Italia Ripensaci. Nel contempo il movimento deve reagire con una offensiva di carattere politico culturale sul tema della legittima difesa armata. Deve inoltre continuare l’impegno per la formazione alla nonviolenza dei giovani in servizio civile.

Sono seguiti altri interventi fra cui quello di padre Zanotelli che ha proposto alla Rete di dotarsi di strumenti idonei per l’organizzazione e la comunicazione ( segreteria, blog etc.), di impegnarsi a preparare con la Tavola della Pace la nuova Marcia Perugia Assisi, di fare una nuova Arena di pace a Verona e di rilanciare la Campagna “Banche armate”.

Al termine degli interventi Sergio Bassoli, del Coordinamento della Rete, ha indicato alcune proposte generali d’azione così riassumibili:

  • costruire, da parte della Rete nazionale della pace e della Rete disarmo, un coordinamento unitario e una piattaforma unitaria fondata su articolazioni territoriali;
  • realizzare una piattaforma basata su temi interconnessi e obiettivi concreti;
  • mantenere l’autonomia territoriale nel fissare gli appuntamenti, ricercando nel contempo gli obiettivi convergenti su scala nazionale e internazionale;- dare avvio ad un sistema di comunicazione comune fra centro e periferia, dotato di risorse adeguate e con il supporto di specialisti.

Il 17 gennaio 2019 si è svolta l'assemblea dei soci del CDMPI.

Il Presidente onorario Vittorio Pallotti apre la riunione e legge la relazione sulle attività del 2018 (v. allegato). Lo stesso Presidente onorario sottolinea l’importanza della maggiore visibilità acquisita dal CDMPI nel corso dell’anno, in particolare continuando la pubblicazione nel mensile “Casalecchio News” della riproduzione di un manifesto dalla nostra raccolta corredata del commento dello stesso.

L’attività nel 2019 si svilupperà in continuità con le tradizionali linee di lavoro e di sviluppare la richiesta di contributi tramite il 5 per mille attraverso azioni promozionali.

Ricorrendo il trentennale della caduta del muro di Berlino, e essendo di drammatica attualità il tema dei “muri”, si concorda, su proposta della Presidente, di preparare una esposizione di manifesti.

L’assemblea riconferma all’unanimità Fiorella Manzini quale Presidente e quale tesoriere Renzo Craighero.

Leggi cdmpi-attività-2018

Roma, 14 marzo 2018

Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, on.le Angelino Alfano

e p.c. Segretaria generale, amb. Elisabetta Belloni Capo di Gabinetto, min. plen. Gian Lorenzo Cornado Vice Segretario generale, min. plen. Michele Baiano Vice Capo di Gabinetto, cons. amb. Lorenzo Fanara Capo Segreteria, dott. Andrea Caputo Consigliera per la comunicazione, dott.ssa Danila Subranni Segretario particolare, dott. Roberto Rametta Capo Ufficio rapporti con il Parlamento, cons. amb. Alessandro Prunas Capo Ufficio legislativo, cons. amb. Stefano Soliman Capo Servizio per la stampa e la comunicazione istituzionale, min. plen. Marco Peronaci

Con la presente Vi sottoponiamo una nostra proposta per riportare la pace nel cantone di Afrin, attualmente sotto assedio dalle forze armate della Turchia. Auspichiamo che, con procedura di urgenza, il Consiglio di Sicurezza voti una risoluzione simile alla Risoluzione 1701 del 2006 (Operazione Leonte poi UNIFIL) che autorizzò la creazione nel Libano, sotto guida italiana, di una "forza cuscinetto" tra i contendenti israeliani, libanesi e Hezbollah. Nella situazione siriana, si tratterebbe di far rientrare le truppe turche entro i confini della Turchia; tale ritiro, verificato da una forza simile all'UNIFIL (ora "UNIFIS"), coinciderebbe con il parallelo dispiegamento di forze armate siriane a sud della frontiera; esse prenderebbero il controllo delle aree precedentemente occupate dalle forze turche. In tale contesto le unità UNIFIS servirebbero come "forze cuscinetto" tra i combattenti turchi, siriani e, ancora più a sud/sudest, curdi. Questa operazione consentirebbe alla Turchia di poter asserire di aver impedito definitivamente il passaggio di armi o milizie curde dal cantone di Afrin verso la Turchia e in senso contrario - il casus belli, perlomeno formale, dell'attuale conflitto.

Abbiamo lanciato questa proposta il 12 marzo u.s. sul nostro sito web: https://www.peacelink.it/pace/a/45169.html

Ora Vi chiediamo formalmente di assumere questa proposta, opportunamente rivista - o qualsiasi proposta analoga, cioè che abbia le stesse finalità - in tutte le sedi e in tutte le istanze dove il Governo Italiano è legittimato a esprimersi sul conflitto in corso. Riponiamo nelle vostre mani la nostra speranza di pace.

Distinti saluti. Alessandro Marescotti Patrick Boylan - PeaceLink - Telematica per la pace www.peacelink.it - Casella postale 2009, 74100 Taranto

“Pronto?”. “Buongiorno”. “Mi chiamo Fiorella e sto telefonando da Bologna”.

“Io faccio parte di un'organizzazione di volontari che si chiama CENTRO DI DOCUMENTAZIONE  DEL MANIFESTO PACIFISTA INTERNAZIONALE”. ”Veniamo considerati dalla Rete dei Musei per la Pace come un Museo. Abbiamo delle grandissime cassettiere che contengono tantissimi MANIFESTI, che sono circa  5.000”. “Ora: perché io sono intervenuta ?”. ”Due o tre persone fa’, diciamo, video telefonate o SMS, un signore ha detto che non si sente chi progetta, chi propone, di eliminare la produzione di armi ”. “E questo sarebbe un deterrente, ovviamente molto importante, contro le guerre e contro gli attentati”. ”Ora, questo non è vero”. “I pacifisti vengono sempre poco…, diciamo: poco sostenuti dai Media, e io lo so perché lavoro in questo campo”.” Ora, per esempio, la settimana scorsa a Ghedi c’era una manifestazione attorno alla base militare di Ghedi: CONTRO LE ARMI NUCLEARI E CONTRO LE ARMI IN GENERE”.

Il giornalista del Manifesto che questa settimana conduce il Filo diretto di Prima pagina: “Ne abbiamo parlato i giorni scorsi grazie alla testimonianza di una ascoltatrice”.

Fiorella: “Questo mi è sfuggito”. “Però abbiamo visto che anche sui giornali non è passato! Anche sul Manifesto noi non ce ne siamo accorti che è stato scritto“.

Giornalista del Manifesto: ”Noi l’abbiamo fatto!”. “Le posso assicurare!”

Fiorella: “Allora, meglio”. “ Allora io vorrei fare presente all'opinione pubblica che, comunque, L’ESTATE SCORSA, ERA IL 7 LUGLIO 2017, ALL’ONU C’È STATA UNA RIUNIONE INTERNAZIONALE POICHÉ VOLEVANO PROMUOVERE LA MESSA AL BANDO DELLE ARMI NUCLEARI”.

Giornalista del Manifesto: “Senta, mi scusi se la interrompo, perché vorrei approfittare di lei per dirle… Mentre lei mi parlava sono andato velocemente nel sito internet del vostro CENTRO DI DOCUMENTAZIONE DEL MANIFESTO PACIFISTA. C’è anche una  GALLERIA DI MANIFESTI molto bella. CONSIGLIO AI RADIOASCOLTATORI DI DAR LORO UN’OCCHIATA".                                                       “Qual è il manifesto più recente che tenete nella vostra collezione?"

Fiorella: “Ma guardi, intanto, LA MARCIA PER LA PACE DEL PRIMO GENNAIO”.

Giornalista del Manifesto: “Primo gennaio di quest’anno?”

Fiorella: “di quest’anno”.

Giornalista del Manifesto: “Perfetto”.”Dunque CI SONO ANCORA MANIFESTAZIONI”. "Chiuda pure la telefonata”. “Le dico qualcosa”. "Mi può ascoltare alla radio".

“Quanti anni sono passati? Tanti! Da quando il New York Times definì IL PACIFISMO,  IL MOVIMENTO PACIFISTA, LA SECONDA POTENZA MONDIALE". “E quando, nelle nostre città, nei balconi delle nostre città, vedevamo la BANDIERA ARCOBALENO DEL MOVIMENTO PACIFISTA”.

“E, anche da noi, c’erano GRANDI MANIFESTAZIONI FREQUENTI , GRANDI MANIFESTAZIONI PACIFISTE”. “Io ricordo, anche il mio giornale ne promosse una, qua a Roma, non tantissimi anni fa’". “Eppure LA SITUAZIONE [d’oggi]”. “NON possiamo parlare di un mondo pacificato”. “NO”. “Per nulla”. “La situazione [d’oggi]”. “LO SCENARIO DI GUERRE MONDIALI”. “LA GUERRA. LA  TERZA  GUERRA  MONDIALE   PER  PEZZI, per citare il citatissimo PAPA FRANCESCO”. “E, va avanti tranquillamente”.

“Il MOVIMENTO PACIFISTA: È PASSATO TOTALMENTE IN SECONDO PIANO”.

“Molto bella questa vostra iniziativa e grazie della testimonianza”. “E, ripeto, invito gli ascoltatori ad andare a vedere quanto meno, SUL SITO INTERNET, questa COLLEZIONE DI MANIFESTI PACIFISTI che mette insieme il CENTRO DI COCUMENTAZIONE DEL MANIFESTO PACIFISTA INTERNAZIONALE.                                  Lo trovate facilmente con una ricerca in Rete."

(Sbobinato da Concetto Valente, mattina 25/1/2018)

PREMIO NOBEL ALL'ICAN: SI RILANCI LA MOBILITAZIONE PER IL DISARMO NUCLEARE NEL MONDO E PER LA RATIFICA ITALIANA DEL TRATTATO DI PROIBIZIONE DELLE ARMI NUCLEARI

I Disarmisti esigenti salutano con gioia il premio Nobel per la pace assegnato all'International Campaign to Abolish Nuclear Weapons - ICAN, la rete pacifista che è stata l'anima e la coordinatrice della mobilitazione della società civile per l'ottenimento dello storico risultato del Trattato di proibizione delle armi nucleari-TPAN, adottato da una Conferenza ONU lo scorso 7 luglio.

Dell'ICAN fanno parte 486 organizzazioni di 101 paesi, ed anche l'Italia ha membri attivi e partecipanti all'attività nazionale ed internazionale.

La motivazione ufficiale del Premio si richiama alla necessità che esso serva ad "attirare l’attenzione sulle catastrofiche conseguenze umanitarie di qualsiasi uso di armi nucleari" e a supportare "gli sforzi innovativi del trattato per il divieto dell’uso di tali armi”.

Questo trattato che interdice gli ordigni atomici è infatti boicottato dalle potenze nucleari (anche se con atteggiamenti diversi) ed è stato recentemente respinto da una dichiarazione NATO, il blocco militare che considera la deterrenza nucleare "suprema garanzia di sicurezza", con l'avallo dell'Italia, proprio lo stesso giorno (il 20 settembre) in cui al Palazzo di Vetro era in corso la cerimonia per l'aperture delle firme e delle ratifiche che dovrebbero portare alla sua entrata in vigore.

Lo stesso Parlamento italiano, con una mozione della maggioranza approvata il 19 settembre, aveva impegnato il governo a valutare l'ipotesi di aderirvi, ma solo previo accordo con gli altri Alleati (abbiamo visto che la NATO, con il suo Consiglio generale, non ha perso tempo a pronunciarsi).

I Disarmisti esigenti a livello internazionale, in concordanza con ICAN, sostengono che il nuovo Trattato di proibizione, una volta entrato in vigore, debba diventare il pilastro di un ordine giuridico internazionale che inquadri il "vecchio" Trattato di non proliferazione- TNP, funzionalizzandolo ad un percorso che porti al disarmo nucleare totale, diritto dell'umanità da esigere e rendere effettivo.

La centralità non è del vecchio TNP ma del nuovo TPAN, che dovrebbe salvarci dall'incubo di una guerra nucleare che può essere scatenata persino per caso, per incidente e per errore di calcolo; e che oggi, nella crisi coreana, è addirittura esplicitamente minacciata da irresponsabili leader, incuranti che dall'escalation delle parole (e delle esercitazioni) si può passare a quella dei fatti catastrofici.

A livello nazionale, sperano che questo premio Nobel all'ICAN serva, almeno in parte, a rompere il muro del silenzio che impedisce all'opinione pubblica italiana di essere a conoscenza dei gravi pericoli che corre, ma anche che a livello globale, nel mondo, ci si sta dando da fare concretamente per evitarli.  Il governo italiano, spinto da una consapevolezza popolare, potrà ritornare sui suoi passi e ratificare il TPAN: forse una nuova rappresentanza parlamentare più sensibile al disarmo nucleare come priorità delle priorità (siamo a pochi mesi delle elezioni politiche) può rendere possibile la svolta.

E' possibile agire e pesare dal basso per costruire un mondo disarmato e di giustizia, cercando la pace con vie di pace, anche a partire da scelte di disarmo unilaterale del nostro Paese: ad esempio lo sganciamento dal nuclear sharing della NATO rispedendo al mittente le "atomiche" che gli USA dispiegano nelle nostre basi o fanno transitare nei nostri porti.

Per sostenerle, queste scelte, si può aderire on-line all'appello rinvenibile alla URL:

https://www.petizioni24.com/italiaripensacisulbandodellearminucleari